Ricerca approfondita

Cerca contemporanei Cerca conterranei Stessa categoria

Biografia di Oscar Luigi Scalfaro

Politico

Oscar Luigi Scalfaro

Oscar Luigi ScÓlfaro Ŕ nato a Novara il 9 settembre 1918 da una famiglia di origini meridionali.
La sua formazione adolescenziale e giovanile, negli anni difficili del fascismo, si compie all'interno dei circuiti educativi confessionali, in particolare in seno alla GIAC, la sezione Giovani, e a quella degli Adulti dell'Azione Cattolica e nell'ambito del Circolo giovanile studentesco ôGiuseppe Regaldiö di Novara: due istituzioni di cui Oscar Luigi ScÓlfaro assumerÓ in seguito anche la presidenza e nei riguardi delle quali conserverÓ sempre una vivida e grata memoria, sottolineandone a pi¨ riprese il ruolo fondamentale esercitato nella promozione di coscienze autenticamente libere ed estranee alla ideologia, ai miti e alle seduzioni del totalitarismo fascista. ôVedete ľ egli ha ricordato, ad esempio, in una conferenza tenuta a Milano nel maggio 2003 ľ, si Ŕ detto in passato che l'Azione Cattolica fosse antifascista; diciamo solo che la formazione cristiana che ricevevamo nell'Azione Cattolica era in grado di sradicare la dittatura nelle coscienze, quantomeno di fungere da antidoto alla sua impostazione ideologica. Da qui, da questa formazione cristiana, siamo partiti, noi costituenti del gruppo cattolico, per scrivere la Costituzioneö.

Da Novara, dove aveva conseguito la maturitÓ classica presso il locale Ginnasio ľ Liceo ôCarlo Albertoö, il giovane ScÓlfaro si sposta a Milano per completare gli studi presso la FacoltÓ di Giurisprudenza dell'UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore. ╚ questa un'altra tappa di rilievo per la sua formazione etica e civile, oltrechÚ istruttiva e professionale. Nei chiostri e nelle aule dell'UniversitÓ fondata e retta da padre Agostino Gemelli, Oscar Luigi ScÓlfaro ritrova quel clima umano e culturale estraneo ľ quando non addirittura ostile ľ ai miti e ai fasti del regime fascista, giÓ sperimentato tra le file dell'Azione Cattolica. E, soprattutto, incontra non solamente studiosi di diritto di grande prestigio, ma anche maestri di vita cristiana e di autentica umanitÓ, come ad esempio mons. Francesco Olgiati e lo stesso rettore padre Agostino Gemelli; e, ancora, un gruppo di giovani studiosi e professori destinati ad avere in futuro un ruolo importante nella vita del Paese: da Giuseppe Lazzati ad Amintore Fanfani, a Giuseppe Dossetti, per citare solo alcuni tra i pi¨ rappresentativi.

Laureatosi in Giurisprudenza nel giugno 1941, nell'ottobre dell'anno successivo, dopo aver superato il relativo concorso, Oscar Luigi ScÓlfaro entra in magistratura e contemporaneamente si impegna nella lotta clandestina, prestando aiuto agli antifascisti carcerati e perseguitati e alle loro famiglie. Alla fine della guerra diviene Pubblico Ministero presso le Corti d'Assise speciali di Novara e di Alessandria, investite dei processi ai responsabili degli eccidi contro gli antifascisti, i gruppi partigiani e le popolazioni inermi di quelle zone. Ad allontanarlo definitivamente dalla carriera in magistratura e a spingerlo ad abbracciare l'agone politico (come nel caso di altri esponenti di rilievo del cattolicesimo italiano di quegli anni: si pensi, ad esempio, al giovane e brillante professore di diritto all'UniversitÓ degli studi di Bari, Aldo Moro) contribuiranno il senso di responsabilitÓ nei riguardi del futuro del Paese e le sollecitazioni della gerarchia ecclesiastica ad aderire e a dare il proprio sostegno all'attivitÓ del neonato partito della Democrazia Cristiana, costituito dopo l'8 settembre 1943 da Alcide De Gasperi.

Alle elezioni del 2 giugno 1946 per l'Assemblea Costituente, il giovane magistrato si presenta come capolista per la Democrazia Cristiana nella circoscrizione elettorale di Novara ľ Torino ľ Vercelli e risulta eletto con oltre 46 mila voti. ╚ l'inizio di una lunga e prestigiosa carriera politica e istituzionale, nel corso della quale, eletto deputato sin dalla prima Camera del 18 aprile 1948, sarÓ costantemente riconfermato a Montecitorio per undici legislature, e soprattutto ricoprirÓ incarichi di governo e ruoli politici e di rappresentanza di crescente rilievo.Segretario e poi vicepresidente del gruppo parlamentare e membro del Consiglio Nazionale della Democrazia Cristiana, durante la segreteria De Gasperi (1949-1954), ha fatto parte anche della Direzione Centrale del partito.



Tra il 1954 e il 1960, Ŕ nominato pi¨ volte sottosegretario di Stato: al ministero del Lavoro e della Previdenza sociale nel primo governo Fanfani (1954); alla presidenza del Consiglio dei Ministri e allo Spettacolo nel governo Scelba (1954); al ministero di Grazia e Giustizia nel primo governo Segni (1955) e nel governo Zoli (1957); al ministero dell'Interno, infine, nel secondo governo Segni (1959),nel governo Tambroni (1960) e nel terzo governo Fanfani (1960).Dopo la breve ma significativa esperienza di vicesegretario politico della Democrazia Cristiana tra il 1965 e il 1966, Oscar Luigi ScÓlfaro assumerÓ a pi¨ riprese incarichi ministeriali. Titolare del dicastero dei Trasporti e dell'Aviazione Civile nel terzo governo Moro (1966) e nei successivi gabinetti Leone (1968) e Andreotti (1972), sarÓ ministro della Pubblica Istruzione nel secondo governo presieduto dallo stesso Andreotti (1972), e poi ministro dell'Interno nelle due compagini presiedute da Craxi (1983 e 1986) e nel sesto governo Fanfani (1987). Eletto pi¨ volte, tra il 1975 e il 1979, vicepresidente della Camera dei deputati, il 10 aprile del 1987 riceverÓ l'incarico dal Presidente della Repubblica Francesco Cossiga di formare il nuovo governo: incarico poi declinato stante l'impossibilitÓ di dar vita a un gabinetto di coalizione. Dopo avere presieduto la Commissione parlamentare d'inchiesta sugli interventi per la ricostruzione dei territori della Basilicata e della Campania colpiti dai terremoti del 1980 e del 1981, Oscar Luigi ScÓlfaro diverrÓ, il 24 aprile 1992, Presidente della Camera dei deputati. Un mese pi¨ tardi, il 25 maggio dello stesso anno, sarÓ eletto Presidente della Repubblica.

Nel corso del suo mandato presidenziale, Oscar Luigi ScÓlfaro ha dovuto affrontare la stagione per molti versi pi¨ difficile e controversa dell'Italia repubblicana. Una stagione, com'Ŕ noto, segnata da una duplice crisi: quella economica, con la necessitÓ di imporre un drastico controllo sulla spesa e di far fronte a un debito pubblico le cui dimensioni erano tali da pregiudicare l'ingresso del Paese nell'Unione Europea; e quella di natura etico ľ politica e istituzionale, per certi aspetti ancora pi¨ grave e destabilizzante, legata al crescente discredito e alla sostanziale delegittimazione della classe politica della Prima Repubblica, sotto i colpi dello scandalo di Tangentopoli e dei conseguenti procedimenti della magistratura. Una crisi, quest'ultima, destinata ad incrinare in modo sensibile il rapporto tra cittadini e istituzioni e a rendere persino pi¨ arduo l'indispensabile radicamento dei principi democratici e dei valori costituzionali nelle coscienze degli italiani.

In questa drammatica fase della storia repubblicana, Oscar Luigi ScÓlfaro ľ di fronte a un'opinione pubblica scossa e disorientata ľ Ŕ riuscito a mantenere vivi nel Paese il senso delle istituzioni e il significato del patrimonio di valori che sono alla base della nostra Costituzione, operando con vigore e intelligenza per il superamento di quella che Ŕ stata giustamente definita la lunga e transizione italiana.
E non pu˛ essere dimenticato che egli ha difeso strenuamente l'unitÓ dello Stato nel momento in cui, sull'onda della generalizzata delegittimazione delle forze politiche tradizionali, altre forze organizzate di pi¨ recente costituzione, animate da sentimenti xenofobi e d'intolleranza, nonchÚ da tentazioni separatiste sostenute da vaghe mitologie e da una montante e diffusa insofferenza nei confronti delle regole comuni, mettevano a repentaglio un ideale condiviso di cittadinanza e il significato stesso di appartenenza ad un'unica comunitÓ nazionale. ╚ appena il caso di ricordare che il Presidente della Repubblica si trov˛, in quegli anni, a dover addirittura sciogliere per due volte consecutive il Parlamento ľ nel 1994 e nel 1996 ľ , con un forte anticipo rispetto alla naturale scadenza della Legislatura. Nel corso del suo mandato, fra l'altro, egli ha tenuto a battesimo ben sei governi, di composizione e orientamenti politici assai differenti, i quali, attraverso un percorso tutt'altro che lineare e pacifico, hanno traghettato (se mi Ŕ consentito un tale termine, divenuto per˛ usuale nel linguaggio politico) il Paese dalla prima alla seconda Repubblica: basterebbe qui richiamare i presidenti del Consiglio che si sono avvicendati alla guida dell'esecutivo, da Giuliano Amato a Carlo Azeglio Ciampi, da Silvio Berlusconi a Lamberto Dini, da Romano Prodi a Massimo D'Alema.

Concluso il mandato presidenziale il 15 maggio 1999, Oscar Luigi ScÓlfaro Ŕ stato nominato Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica.

Frasi Celebri di Oscar Luigi Scalfaro

Arte:
Mai chiedere a un politico, a un uomo di Stato, un parere su cose di valore artistico. Sono venuto a rendere il mio omaggio all'arte, ma non Ŕ che la capisca tutta.
Politica:
Non scrivete mai sotto dittatura e sotto dettatura.
Politica:
L'Italia risorgerÓ, l'Italia risorgerÓ, l'Italia risorgerÓ.

Cerca testi correlati a Oscar Luigi Scalfaro su IBS.it
Data creazione biografia: 29 novembre 2005
Scarica questa biografia in PDF.

Modifica la biografia Vota il personaggio: Stampa questa pagina



Consulta altre ricerche interessanti...