Notice: XML Parsing Error at 1:49. Error 2: syntax error in /web/htdocs/www.nonsolobiografie.it/home/inclusioni/server_side/classi/xmlparser.php on line 112
Nonsolobiografie.it - Biografia Jacques Bénigne Bossuet
Ricerca approfondita

Cerca contemporanei Cerca conterranei Stessa categoria

Biografia di Jacques Bénigne Bossuet

Vescovo, scrittore e predicatore francese.

Jacques Bénigne Bossuet

Nato a Digione nel 1627 da una famiglia di magistrati, iniziň la carriera ecclesiastica nel 1652 come arcidiacono di Sarrebourg. Canonico di Metz nel 1654, tornň spesso a Paris per assistere a Sant-Lazare alle conferenze di Vincenzo de' Paoli (che fu poi fatto santo dai cattolici) sulla predicazione. Questi lo incoraggiň a iniziative di caritŕ nella Metz devastata dalla guerra. Nel 1659 lo chiamň a Paris in suo aiuto. Nominato da Luigi XIV precettore del Delfino nel 1670, cercň di vincere l'inerzia e la mediocritŕ dell'erede ai troni di Francia e di Spagna, rendendolo consapevole dei suoi doveri verso Dio piů che del suo diritto divino. Nel 1681 divenne vescovo di Meaux. Morě a Paris nel 1704. Suo capolavoro sono considerate le undici Orazioni funebri . Pompa convenzionale dell'elogio funebre, una certa contemplazione lirica della tragicitŕ del destino umano. Esse furono pronunciate nel 1656-1687 in memoria dei grandi personaggi della famiglia reale. Tra le piů famose si ricordano quelle per Enrichetta di Francia, per Enrichetta d'Inghilterra, per il prě ncipe di Condé . Maggiore immediatezza nei Sermoni . Su circa 700 ne sono giunti 245, pronunciati in parte a Paris davanti alla corte, per la quaresima e l'avvento. Nel 1668-1670 fu attratto dalla filosofia cartesiana, e scrisse il Trattato della conoscenza di Dio e di se stesso . Tra le numerose opere composte per il Delfino, si ricordano: un Discorso sulla storia universale (Discours sur l'histoire universelle, 1681) in cui auspica l'unione delle chiese, una Storia delle variazioni delle chiese protestanti sulla labilitŕ delle dottrine protestanti, una Relazione sul quietismo (1698) vigoroso pamphlet contro il quietismo, e indirettamente contro Fé nelon. La sua prosa č barocchista: frasi ampie e rotonde, lessico limpido e preciso, densa di riferimenti ai modelli classici e biblici, immagini grandiose e drammatiche, frequenti e controllati abbandoni alla passione.
Nel clima della restaurazione cattolica e dell'assolutismo monarchico che caratterizzň la Francia del suo tempo, da poco uscita dalle guerre di religione, Bossuet rappresentň l'ortodossia, in lotta contro tutto ciň che puň minacciare l'autoritŕ del re e della chiesa (cattolica), a favore di una pace religiosa fondata sulla supremazia della chiesa gallicana.

Frasi Celebri di Jacques Bénigne Bossuet

Morte:
Sappiamo di dover morire ma non ci crediamo.

Libri Jacques Bénigne Bossuet
Data creazione biografia: 1 gennaio 1970
Scarica questa biografia in PDF.

Modifica la biografia Vota il personaggio: Stampa questa pagina



Consulta altre ricerche interessanti...