Ricerca approfondita

Cerca contemporanei Cerca conterranei Stessa categoria

Biografia di Dante Alighieri

Al principio del cammin di Italiana lingua

Dante Alighieri

Nasce a Firenze nel 1265 da nobile famiglia di tradizione guelfa. Studia presso i francescani, è allievo di Brunetto Latini e da autodidatta impara l'arte della poesia.

Decisivo è l'incontro, all'età di nove anni, con Beatrice, figlia del ricco Folco Portinari. La donna incarna per il poeta il sommo ideale di amore e di virtù, nonostante vada sposa a Simone Bardi, così come è Gemma Donati ad unirsi in matrimonio con Dante e a dargli quattro figli. La morte di Beatrice, nel 1290, è per lui un vero trauma, da cui riesce a sollevarsi con fatica. Decide così di raccogliere ne La Vita Nova rime e prosa che raccontano la storia spirituale del suo amore.

In questo periodo comincia il suo impegno nella politica di Firenze, che nel 1300 lo porta a divenire Priore, una delle massime cariche istituzionali. Si ritrova a contrastare i piani di Papa Bonifacio VIII, che cerca a sua volta di minare l'autonomia della città. Grazie all'intervento di Carlo di Valois, fratello del re di Francia, il Pontefice riesce ad avere la meglio, in un momento in cui Dante ed altri notabili sono a Roma in qualità di ambasciatori.

Il poeta viene condannato all'esilio e ad una multa, oltre ad essere interdetto dai pubblici uffici. Inizia, così, un lungo periodo di pellegrinaggio in Italia, chiedendo ospitalità presso le corti a Forlì, a Verona, in Lunigiana dai signori Malaspina.




La sofferenza e il rancore per l'ingiustizia subita si riversano nei suoi scritti, in special modo nella Divina Commedia, nella quale Dante fa perfino comparire il suo nemico, il Papa, in un girone dell'Inferno.

Ripone le proprie speranze politiche nella figura di Arrigo VII, vedendo in lui un portatore di pace nella penisola; la morte improvvisa dell'imperatore nel 1313, pero', gli fa comprendere che mai più potrà tornare a Firenze. Negli ultimi anni della sua vita visita la corte di Can Grande della Scala a Verona, e di Guido Novello Da Polenta a Ravenna, dove muore nel 1321.

Frasi Celebri di Dante Alighieri

Felicità/Infelicità:
Ambo le man per lo dolor mi morsi.
Tempo:
Ché perder tempo a chi più sa più spiace.
Libri/Scrivere:
Galeotto fu il libro e chi lo scrisse.

Cerca testi correlati a Dante Alighieri su IBS.it
Data creazione biografia: 14 ottobre 2006
Scarica questa biografia in PDF.

Modifica la biografia Vota il personaggio: Stampa questa pagina



Consulta altre ricerche interessanti...