Ricerca approfondita

Cerca contemporanei Cerca conterranei Stessa categoria

Biografia di George Orwell

Scrittore

George Orwell

Eric Arthur Blair (noto col nome di George Orwell) Ŕ nato nel 1903 a Motihari, in India, sul confine col Nepal, da una famiglia britannica di diplomatici e militari. Nel 1907, la famiglia Blair ritorna in Inghilterra.

Incomincia un periodo di non brillantissimi studi per lo scrittore in erba George Orwell (tra l'altro, fu a Eaton), che per sua stessa ammissione ha sentito la vocazione letteraria intorno ai cinque anni. Dell'universitÓ, nulla gli importa. Nel '22 si arruola nella polizia indiana e presta servizio nel Burma. Il sistema sociale indiano, per˛, lo disgusta, e nel '27 ritorna a Londra. Qui inizia a studiare letteratura da autodidatta, con alfieriana determinazione. Non riesce a stare fermo, per˛. Va a vivere tra i poveri e gli homeless, poi si trasferisce a Parigi, a fare il lavapiatti, colmo di disprezzo per la bohŔme nullafacente. Ha, evidentemente, idee tutte sue sulla vita e sulla letteratura.

Torna a Londra nel '29, di nuovo tra poveri e diseredati. A Parigi ha scritto un romanzo, intitolato Down And Out In Paris And London. Il manoscritto finisce in mano a un'agente letteraria, che lo piazza presso un editore. E' l'abbrivio di una carriera straordinaria. A Clergyman's Daughter (1935) e Keep The Aspidistra Flying (1936) sono i libri che Orwell, divenuto nel frattempo commerciante, completa negli anni successivi all'esordio.




Sposatosi nel '36, parte per scrivere un articolo sulla guerra civile spagnola. Arrivato a Barcellona, per˛, prende contatti con una frazione marxista e decide di fermarsi in Spagna. Deve riparare in Francia, con la moglie, l'anno successivo, per evitare le persecuzioni. Nel '38 Ŕ c˛lto da una crisi di tbc ed Ŕ costretto a svernare in Marocco, dove attende alla stesura di Coming up for Air e, successivamente, lavora ad Animal Farm, la summa del suo credo socialista (un socialismo fabiano, tipicamente anglosassone).

Dopo l'adozione di un figlio e la quasi contemporanea morte dell'adoratissima moglie, Orwell gira come inviato un po' per tutta Europa, prima di stabilirsi, in via definitiva, sulla costiera scozzese. Qui concepisce e scrive 1984, uno dei capolavori della letteratura novecentesca, dove ossessioni di dominio globale e alienazione di massa si incarnano nell'icona del Grande Fratello. 1984 Ŕ una meditazione rigorosa e profetica sugli esiti estremi del processo di globalizzazione che Orwell, a metÓ secolo, giÓ vede giÓ inscritto nel codice genetico del sistema capitalistico. Winston Smith, l'uomo comune che cerca di sopravvivere alla massificazione da tirannide, Ŕ l'ultima delle persone, uno spirito inerme che cerca di proteggere i residui di un'umanitÓ pre-alienata, e soccombe a una fine ineluttabile e tragica, che si sviluppa all'ultima riga del romanzo orwelliano (insieme al Mondo nuovo di Huxley Ŕ una buona medicina spirituale per animi incantati dalle odierne bolle speculative ed entusiaste dal rap dei future). George Orwell Ŕ deceduto nel 1950.

Frasi Celebri di George Orwell

Tempo:
Chi controlla il passato controlla il futuro... Chi controlla il presente controlla il passato.
Dio:
I cattolici e i comunisti sono simili nel considerare che quelli che non hanno le loro convinzioni non possono essere sia onesti sia intelligenti.
SocietÓ:
La societÓ non deve esigere nulla da chi non si aspetta nulla dalla societÓ.

Cerca testi correlati a George Orwell su IBS.it
Data creazione biografia: 26 ottobre 2005
Scarica questa biografia in PDF.

Modifica la biografia Vota il personaggio: Stampa questa pagina



Consulta altre ricerche interessanti...